POSSIAMO RESISTERE AL DOMINIO DEL MERCATO?

Lunedì 14 novembre presso il Laurentianum di Mestre alle ore 18:00, nell’ambito del Percorso del Creato 2016-2017, proveremo a rispondere a questa domanda, una delle tante nate dalla lettura dell’enciclica Laudato si’.

Nel contesto di un mercato mortifero per molti e per il creato ricercheremo, aiutati da Roberto Mancini, uno sguardo diverso, un pensiero, una politica e una spiritualità che diano forma a una resistenza per accogliere l’invito di papa Francesco che ci esorta a credere che “non tutto è perduto, perché gli esseri umani, capaci di degradarsi fino all’estremo, possono anche superarsi, ritornare a scegliere il bene e rigenerasi, al di là di qualsiasi condizionamento psicologico e sociale che venga loro imposto. Son capaci di guardare a se stessi con onestà, di far emergere il proprio disgusto e di intraprendere nuove strade verso la libertà. Non esistono sistemi che annullino completamente l’apertura al bene, alla verità e alla bellezza, né la capacità di reagire, che Dio continua a incoraggiare dal profondo dei nostri cuori. A ogni persona di questo mondo chiedo di non dimenticare questa sua dignità che nessuno ha diritto di toglierle” (n. 205).


mancini_roberto_romenaRoberto Mancini è ordinario di Filosofia teoretica all’Università di Macerata e insegna Economia umana all’Accademia di Architettura dell’Università della Svizzera italiana a Mendrisio. E’ titolare della rubrica “Idee eretiche” sul mensile Altreconomia e autore di diversi libri tra  cui: Trasformare l’economia. Fonti culturali, modelli alternativi, prospettive politiche, FrancoAngeli (Milano 2014); Ripensare la sostenibilità. Le conseguenze economiche della democrazia, Franco Angeli (Milano 2015); La rivolta delle risorse umane. Appunti di viaggio verso un’altra società, Parazzini (Rimini 2016) e Il senso della misericordia, Edizioni Romena (Pratovecchio 2016).

www.manciniroberto.it


Tutte le informazioni nella locandina a3-festacreato-2016-4nov2016-1

0 Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *